hacklink al hd film izle php shell indir siber güvenlik android rat duşakabin fiyatları hack forum fethiye escort bayan escort - vip elit escort hacklink güvenilir forex şirketleri Poesie

Frammento per mia madre

Frammento per mia madre

 

 

E thank you gridando
da un palcoscenico
(o da un transatlantico)

 

                              io vorrei
che tu la vita vedessi riandare

 

e il viso delle ragazze che sei stata e che sei

 

come per le rose si pensa l’eterno
vedendole a sera
          ​       sulle terrazze

 

 

 

 

 

 

 

 

Fragment for My Mother

 

 

And yelling ‘thank you’
from a stage
(or from a cruise liner)

 

                    ​  I would like
you to see life begin anew

 

and the face of the girls that you’ve been and are

 

just as one thinks of roses as eternal
watching them in the evening
                   ​             on balconies

 

 

 

Carlotta

Carlotta

 

Tu sarai una donna
ragionerai  come io
non ho fatto mai. Sarai me
       ma porterai la gonna.
La notte avrà un’altra
dolcezza per te,
non sentirai questa asprezza
chiudendo le mani.
Anche le grandi piogge per te
saranno canzoni.

 

Sarai una donna, volgerai
molto amore, amore forte
come nel mare volge l’onda,
il tuo invisibile plancton
contro la morte fonda.
Ne avrai gli spasmi e il risalire
improvviso delle risa,
il pensiero sarà alla sera
una dolce fronda
sopra gli occhi.

 

Sarai un miracolo per tanti,
anche senza fare niente.
   Una traccia
per chi non vede più le stelle.
Apparirai come tua madre, bella,
               una scintilla.

 

Sentirò le tue mani piccole
per sempre giocarmi sulla faccia
come foglie che il vento
muove sulla terra.

 

E quando sarà finita la mia guerra
e mi sfuggiranno le parole
sarai il privilegio
di una canzone alta, che non muore.

 

 

 

 

 

 

  

 

Carlotta

 

You will be a woman
who thinks in a way
I never have. You will be me
but in a skirt.

 

The night will bring you
a different sweetness,
you will not feel coarseness
in shutting your hands.
Even heavy rains will
be songs for you.

 

You will be a woman, you’ll offer
much love, strong love
the way a wave turns in the sea,
your invisible plankton
against profound death.
You’ll feel its throes
and a sudden laughter leap up,
thought will be a sweet
branch above your eyes
in the evening.

 

Without doing anything, you’ll
be a miracle to many.
A trail for
those who no longer see the stars.
You will seem your mother, beautiful,
              a radiant sparkle.

 

I will ever feel those little
hands playing on my face
like leaves pushed
over the ground by the wind.

 

And when my war will have ended
and words move beyond my reach
you will be the reward
of a loud, undying song.

 

 

those who no longer see the stars.
You will seem your mother, beautiful,
              a radiant sparkle.

 

I will ever feel those little
hands playing on my face
like leaves pushed
over the ground by the wind.

 

And when my war will have ended
and words move beyond my reach
you will be the reward
of a loud, undying song.

 

 

Incinta, dice il test

Incinta, dice il test

Non chiamarlo, viene
nella sua forza semilucente,
è già una parte del tuo sorriso
viene come il profumo dei boschi,
un niente, il muso improvviso
della lepre, è già una piega
nelle tue mani, siede
sul trono che diventi.

                      È un aumento
che ha dismisura di nubi,
fa paura come l'inizio del vento
che piega i rami ma ravviva i colori.
Mio amore bello e pieno di tormento,
la sua impronta è già della nostra
figura. La felicità
è l'attesa, è il tempo.




The Test Indicates ‘Pregnant’

Don’t call to him, he’ll be along
with his quasi luminous force,
already a part of your smile,
he’ll be along like a forest fragrance,
a trifle, the hare’s unpredictable
snout, already a crease in your hands,
he occupies the throne you are becoming.



                    It’s an addition
as boundless as clouds,
it startles like a wind picking up
that bends branches but provokes their colors.
My beautiful love filled with torment,
his impression is already in our
stamp. Happiness is in
the waiting, it is time.

Bartolomeo

Il poeta di quest’era postpasoliniana

Il poeta di quest’era postpasoliniana

 

 

Sta sempre più in silenzio.

                                         Anche dentro le parole,

dietro la fila dei bicchieri

nel film della cena

appena terminata tra i mezzi

inchini e i saluti più veloci

che sinceri.

 

                   (Non è che manca il fiato,

                                                           ma la poesia

è un colpo secco, dice in una specie

di ebrietudine o forse

di mostruosa lucidità, è un angelico

virus che sta in agguato,

un guerriero accucciato

che ride e stringe le zampe alle sue prede.)

 

Gli fugge negli occhi, si vede,

un trasalimento, un sorriso

che viene dala cenere del sangue.

 

Eccolo, il poeta di quest’era postpasoliniana,

errore di sistema, macerie

d’azzurro nela voce

e una sete accesa

che nessun video cattura,

mentre van via tutti in aria o in rete,

                                                         felice lui

                                                                       di restare

 

con la sua luce dura

fino agli ultimi brindisi

(i più patetici, i più gridati)

tra i compagni che non se ne sono andati.

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Poet of This Post-Pasolinian Age

 

 

 

He remains ever more in silence.

                                                    Even within words,

behind a line of drinking glasses

in the film about the dinner

recently ended among half

curtseys and good-byes more quick

than sincere.

 

                      (Not, it’s not a shortness of breath,

                                                                            but poetry

is a sharp blow, he says in a sort

of intoxication or perhaps

of monstrous lucidity, it’s an angelic

virus that lies in wait,

a squatting warrior

who laughs and digs his paws into his prey.)

 

His eyes, one can see, betray him with

a startle, a smile

that comes from blood’s ashes.

 

Behold him, the poet of this post-Pasolinian age,

system error, bluish

ruins in his voice

and a burning thirst

that no video screen captures,

while all go off into the air

or onto the net,

                        he, happy,

                                         to remain

with his resistant light

until the last toasts

(the most sentimental, the most voiced)

among the fellows who’ve yet to leave.